image_pdfimage_print

Pan brioche tradizionale

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/brioches/" rel="tag">brioches</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/burro/" rel="tag">burro</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/colazione/" rel="tag">colazione</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pane/" rel="tag">Pane</a>Leave a comment
  • 8 Dicembre 2018
  • Per la colazione di questa mattina sono tornata alle origini con un tradizionale pan brioche.

    Per la colazione di questa mattina sono tornata alle origini con un tradizionale pan brioche. Continue reading “Pan brioche tradizionale”

    Schiacciata alla canapa

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/canapa/" rel="tag">canapa</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/decorticati/" rel="tag">decorticati</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/farina-di-canapa/" rel="tag">farina di canapa</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/impasto/" rel="tag">impasto</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/macchina-del-pane/" rel="tag">macchina del pane</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/schiacciata/" rel="tag">Schiacciata</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/semi-di-canapa/" rel="tag">semi di canapa</a>Leave a comment
  • 11 Luglio 2018
  • Adoro andare per mercatini e sagre paesane. Immergersi in una folla rilassata e curiosa. Una passeggiata lenta che appaga i sensi, dove i profumi arrivano al nostro olfatto, attirandoci da una parte all’altra e gustando sapori antichi, ma soprattutto conoscendo vecchie tradizioni.

    Adoro andare per mercatini e sagre paesane. Immergersi in una folla rilassata e curiosa. Una passeggiata lenta che appaga i sensi, dove i profumi arrivano al nostro olfatto, attirandoci da una parte all’altra e gustando sapori antichi, ma soprattutto conoscendo vecchie tradizioni. Continue reading “Schiacciata alla canapa”

    Pan di rose all’aglio nero di Voghiera D.O.P.

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/aglio/" rel="tag">aglio</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/aglio-nero/" rel="tag">aglio nero</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/antipasto/" rel="tag">antipasto</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/aperitivo/" rel="tag">aperitivo</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pane/" rel="tag">Pane</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/rose/" rel="tag">rose</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/voghiera/" rel="tag">Voghiera</a>Leave a comment
  • 17 Maggio 2018
  • Questa volta celebro la dolcezza dell’aglio nero di Voghiera con un pane semplice che si veste di eleganza! Tante rose farcite di una semplice crema all’aglio nero che dipinge i margini di ogni singola rosa e ne sprigiona un intenso sapore aromatico.

    Questa volta celebro la dolcezza dell’aglio nero di Voghiera con un pane semplice che si veste di eleganza! Tante rose farcite di una semplice crema all’aglio nero che dipinge i margini di ogni singola rosa e ne sprigiona un intenso sapore aromatico. Continue reading “Pan di rose all’aglio nero di Voghiera D.O.P.”

    Pane rosa alla barbabietola e semi di girasole

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/barbabietola/" rel="tag">barbabietola</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/barbabietole/" rel="tag">Barbabietole</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/colore/" rel="tag">colore</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/girasole/" rel="tag">girasole</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/lievito-di-birra/" rel="tag">lievito di birra</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pane/" rel="tag">Pane</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/panini/" rel="tag">panini</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/precotto/" rel="tag">precotto</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/rapa/" rel="tag">rapa</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/rape/" rel="tag">rape</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/rosa/" rel="tag">rosa</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/semi/" rel="tag">semi</a>Leave a comment
  • 5 Febbraio 2018
  • Di recente ho avuto modo di riflettere sull’uso dei colori in cucina. Colori naturali degli ingredienti, a volve così vivi e forti da poter imprimere la loro intensità anche ad altri ingredienti dai toni più neutri.

    Di recente ho avuto modo di riflettere sull’uso dei colori in cucina. Colori naturali degli ingredienti, a volve così vivi e forti da poter imprimere la loro intensità anche ad altri ingredienti dai toni più neutri. Continue reading “Pane rosa alla barbabietola e semi di girasole”

    Nodini di pane al pepe nero

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/bocconcini/" rel="tag">bocconcini</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/grani/" rel="tag">grani</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/nodini/" rel="tag">nodini</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pane/" rel="tag">Pane</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/panini/" rel="tag">panini</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pepe-nero/" rel="tag">pepe nero</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/piccante/" rel="tag">piccante</a>Leave a comment
  • 10 Gennaio 2018
  • Di ritorno da una breve gita fuori porta nel veronese ci siamo fermati in un ristorantino piccolo e  rustico con piatti davvero succulenti e qui abbiamo potuto gustare tra le tante delizie del buon pane casereccio, fragerante fuori e tenero dentro ma soprattutto arricchito da grani di pepe nero interi. Alla prima impressione, vedendolo fare […]

    Di ritorno da una breve gita fuori porta nel veronese ci siamo fermati in un ristorantino piccolo e  rustico con piatti davvero succulenti e qui abbiamo potuto gustare tra le tante delizie del buon pane casereccio, fragerante fuori e tenero dentro ma soprattutto arricchito da grani di pepe nero interi. Alla prima impressione, vedendolo fare capolino dal cestino del pane siamo stati un po’ titubanti ma poi l’abbiamo assaggiato, scoprendo che i grani di pepe sono più che gradevoli nella soffice trama del pane dando quella sferzata leggermente piccante e aromatica di tanto in tanto che proprio non ti aspetti dal pane
    Continue reading “Nodini di pane al pepe nero”

    Pane integrale alla cannella

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/cannella/" rel="tag">cannella</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/casalingo/" rel="tag">casalingo</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/colazione/" rel="tag">colazione</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/fatto-in-casa/" rel="tag">fatto in casa</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/integrale/" rel="tag">integrale</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/macchina-per-il-pane/" rel="tag">macchina per il pane</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/miele/" rel="tag">miele</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/mpp/" rel="tag">mpp</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pane/" rel="tag">Pane</a>Leave a comment
  • 19 Agosto 2017
  • Cosa c’è di meglio di un buon pane fatto in casa per la prima colazione? Buono e genuino può vantare un’altro enorme pregio, perché poche cose sono confortevoli e inebrianti come il profumo del pane appena cotto che vaga per la casa. Io e mio marito lavoriamo a turni e quando la sveglia suona alle […]

    Cosa c’è di meglio di un buon pane fatto in casa per la prima colazione? Buono e genuino può vantare un’altro enorme pregio, perché poche cose sono confortevoli e inebrianti come il profumo del pane appena cotto che vaga per la casa. Io e mio marito lavoriamo a turni e quando la sveglia suona alle ore 5:20 per il turno mattutino, è davvero difficile trascinarsi giù dal letto carichi di buonumore. Poi apri la porta della camera mentre ancora cerchi di recuperare una postura eretta e dignitosa…..ed è proprio lì che avviene il miracolo, la tanto attesa metamorfosi in cui gli occhi si aprono, l’olfatto compie il gradito lavoro e finalmente i lembi delle labbra si sollevano per dare vita ad un timido sorriso di buonumore, grazie a quel profumo così caldo e avvolgente che ci accoglie come un abbraccio affettuoso.

    Non nego di avere le mie ricette preferite che sicuramente vanno per la maggiore, ma cerco sempre di sperimentare qualcosa di nuovo, possibilmente senza eccedere in dolcezza, poiché sarà pure il pane per la colazione, ma amo poterlo gustare anche per gli altri pasti della giornata, così raramente avanza un po’ di pana raffermo. Con questa idea ho creato la ricetta che vi propongo oggi. Un soffice pane integrale fatto con la buona farina di un vecchio molino ad acqua macinata ancora a sasso, miele d’acacia e cannella. Ottimo e profumato.

    INGREDIENTI:

    •  250 g di farina integrale
    • 250 g di farina 00
    • 75 ml di olio extravergine di oliva
    • 310 ml di acqua tiepida
    • 1 cucchiaino di sale fino
    • 1 cucchiaio di zucchero di canna
    • 2 cucchiai di miele d’acacia
    • 1/2 cucchiaio di cannella.
    • 1 bustina (7 g) di lievito di birra in polvere PANEANGELI

    PROCEDIMENTO CON LA MACCHINA DEL PANE:

    Versare nel boccale della macchina del pane prima le componenti liquide, ovvero acqua e olio, poi il sale e lo zucchero.

    Aggiungere le farine e per ultimi il lievito, la cannella e il miele. Chiudere ed impostare il programma per pane tradizionale da 1kg che durerà almeno 3 ore. Io utilizzo anche la funziona timer per sfornarlo caldo e fragrante al risveglio.

    PROCEDIMENTO SENZA MACCHINA DEL PANE:

    In una ciotola versare le farine e ricavare un incavo al centro per formare la classica fontana. Versare nella cavità l’acqua, l’olio, il miele, il sale ,lo zucchero, la cannella e per ultimo il lievito. Iniziare ad amalgamare partendo dal centro, incorporando sempre più farina dai margini. Quando tutta la farina sarà amalgamata , continuare ad impastare per almeno 10 minuti. Se necessario aggiungere poca farina 00 per maneggiare meglio l’impasto. Mettere a riposare in forno con la sola luce accesa o se volete accelerare un po’ il processo, impostando 30 gradi in modalità statica e lasciare lievitare per 1 ora.

    Trascorso questo tempo riprendere il composto, ed impostarlo nuovamente sulla spianatoia infarinata. Predisporre già la forma desiderata. L’impasto infatti consentirà di realizzare 2 pani in cassetta che potete creare utilizzando 2 stampi da plumcake foderati di carta forno o se preferite tanti piccoli panini da adagiare direttamente nella placca del forno leggermente distanziati tra loro per permetterne la lievitazione, sempre foderata di carta da forno. Lasciare lievitare ancora 1 ora o fino a che il pane avrà raddoppiato le proprie dimensioni ed infornare a 200 gradi in modalità statica per circa 10-15 minuti (secondo il formato scelto) + 5 minuti ventilati  a 180 gradi per rendere la crosta più fragrante.

     

    Focaccia integrale al farro con pasta madre all’olio d’oliva, rosmarino e sale all’arancia

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/arancia/" rel="tag">arancia</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/farina/" rel="tag">farina</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/farro/" rel="tag">farro</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/focaccia/" rel="tag">Focaccia</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/integrale/" rel="tag">integrale</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/olio-extravergine-di-oliva/" rel="tag">olio extravergine di oliva</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pasta-madre/" rel="tag">pasta madre</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/rimacinata/" rel="tag">rimacinata</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/rosmarino/" rel="tag">rosmarino</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/sale-aromatizzato/" rel="tag">Sale aromatizzato</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/semola/" rel="tag">semola</a>Leave a comment
  • 8 Maggio 2017
  • Per il rinfresco di oggi della pasta madre, ho scelto di preparare una bella focaccia rustica, a base di farro che si arricchisce dei profumi tipici del mediterraneo. Una semplice esecuzione seguita dalla lunga lievitazione nel tepore del forno per coccolare la pasta madre e farle eseguire il suo lavoro, poi il condimento semplice con […]

    Per il rinfresco di oggi della pasta madre, ho scelto di preparare una bella focaccia rustica, a base di farro che si arricchisce dei profumi tipici del mediterraneo. Una semplice esecuzione seguita dalla lunga lievitazione nel tepore del forno per coccolare la pasta madre e farle eseguire il suo lavoro, poi il condimento semplice con buon olio  extravergine d’oliva, rosmarino fresco e un sale aromatizzato all’arancia. Il resto del lavoro tocca al forno, che immortala l’opera, spande profumo per la casa e cede a noi un enorme focaccia, non resta che tagliarla a quadrotti e gustarle così in semplicità o abbinata a formaggi teneri ed affettati.

    INGREDIENTI:

    • 280 g di farina di farro
    • 100 g di farina 0
    • 120 g di semola rimacinata
    • 200 g di pasta madre integrale già rinfrescata
    • 1 cucchiaio di miele
    • 1 cucchiaino di sale fino
    • 350 ml di acqua tiepida
    • olio extravergine di oliva di buona qualità
    • 1-2 rametti di rosmarino fresco
    • sale aromatizzato all’arancia

     

    PROCEDIMENTO:

    Dopo il rinfresco della pasta madre lasciarla riposare circa 1 ora a temperatura ambiente. Trascorso questo tempo, stemperare i 200 g di pasta madre con l’acqua tiepida. Io ho versato tutto nel boccale della macchina per il pane e ho utilizzato il programma per impasti lievitati, affinché amalgamasse bene e a lungo il mio impasto.

    Aggiungere gradualmente la farina 0, la farina di farro e la semola rimacinata, poi amalgamare ancora. Quando la farina ha assorbito la quota liquida ed il composto inizia a legarsi, aggiungere il miele e il sale, poi proseguire con il ciclo dell’impastatrice per circa 30 minuti.

    Lasciare riposare 1 ora. Trascorso il primo tempo di lievitazione, foderare la teglia del forno con apposita carta e stendervi l’impasto della focaccia.

    Posizionare la teglia  nel forno chiuso e lasciare lievitare per almeno 12 ore. A lievitazione avvenuta, estrarre la teglia dal forno. La focaccia avrà aumentato il proprio volume ed è giunto il momento di completarla con il condimento, pre poi cuocerla.

    Con delicatezza spennellare la superficie con olio d’oliva extravergine, distribuire in modo uniforme le foglie di rosmarino fresco e salare con il sale aromatizzato all’arancia.

    Infornare in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 20 minuti, poi terminare la cottura con altri 5 minuti con funzione ventilata, per dorare la superficie e rendere la focaccia più fragrante.

    Sfornare, lasciare intiepidire e servire tagliata a quadretti, magari accompagnandola con formaggi teneri ed affettati.

    CONSIGLIO: se non disponete di sale aromatizzato all’arancia, potete ottenere lo stesso risultato guarnendo la focaccia con un cucchiaio di sale grosso, preventivamente macinato con un poco di scorza d’arancia fresca, mentre la pasta madre ottenuta da farine integrali, può tranquillamente essere sostituita dalla tradizionale pasta madre bianca, mantenendo gli stessi dosaggi.

    Filoncini rustici con pasta madre ai fiori primaverili.

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/filoncini/" rel="tag">filoncini</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/fiori-edibili/" rel="tag">fiori edibili</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/fiori-eduli/" rel="tag">fiori eduli</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/lievito-madre/" rel="tag">Lievito madre</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/panini/" rel="tag">panini</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pasta-madre/" rel="tag">pasta madre</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/picnic/" rel="tag">picnic</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/prosciutto-cotto/" rel="tag">prosciutto cotto</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/squaquerone/" rel="tag">Squaquerone</a>Leave a comment
  • 19 Aprile 2017
  • Fiera dei miei filoncini lievitati con pasta madre, prima che finissero, ho voluto celebrarli con una ricetta tutta per loro che esprimesse la primavera in tutti i suoi colori e profumi, così ecco nato un panino da picnic in cui ogni morso è diverso poiché porta con se’ le diverse sfaccettature dei sapori floreali.  A […]

    Fiera dei miei filoncini lievitati con pasta madre, prima che finissero, ho voluto celebrarli con una ricetta tutta per loro che esprimesse la primavera in tutti i suoi colori e profumi, così ecco nato un panino da picnic in cui ogni morso è diverso poiché porta con se’ le diverse sfaccettature dei sapori floreali.  A me è piaciuto molto e voi cosa ne dite?

    INGREDIENTI:

    • 380 g di farina 00
    • 120 g di semola rimacinata
    • 200 g di pasta madre integrale già rinfrescata
    • 1 cucchiaio di miele
    • 1 cucchiaino di sale fino
    • 320 ml di acqua tiepida

    PER LA FARCITURA:

    • 2 hg di prosciutto cotto affumicato
    • 1 squaquerone
    • fiori eduli ( di tarassaco, di rosmarino, di borragine, margherite, viole del pensiero, ecc..)
    • pepe macinato fresco
    • olio extravergine di oliva di buona qualità

    PROCEDIMENTO:

    Dopo il rinfresco della pasta madre lasciarla riposare circa 1 ora a temperatura ambiente. Trascorso questo tempo, stemperare i 200 g di pasta madre con l’acqua tiepida. Io ho versato tutto nel boccale della macchina per il pane e ho utilizzato il programma per impasti lievitati, affinché amalgamasse bene e a lungo il mio impasto.

    Aggiungere gradualmente la farina 00 e la semola rimacinata, poi amalgamare ancora. Quando la farina ha assorbito la quota liquida ed il composto inizia a legarsi, aggiungere il miele e il sale, poi proseguire con il ciclo dell’impastatrice per circa 30 minuti.

    Lasciare riposare 1 ora.

    Trascorso il tempo foderare la placca del forno con apposita carta, spolverare con un velo di farina di semola rimacinata e dividere l’impasto in strisce, da allungare e attorcigliare con le mani ben infarinate, fino ad ottenere dei filoncini. Adagiarli nella teglia, mantenendoli leggermente distanziati per permetterne la lievitazione.

    Posizionare la teglia con i filoncini nel forno riscaldato a 35-40 gradi con funzione statica, impostando il timer per il massimo del tempo (2 ore). Lasciare lievitare chiusi nel forno per tutta la notte con il tepore creato.

    Dopo 8-10 ore i nostri filoncini saranno ben lievitati e pronti per la cottura. Cuocere in forno statico a 180 gradi per circa 20-25 minuti, poi con funzione ventilata per altri 7-8 minuti o fino a quando risulteranno ben dorati.

    Per comporre il panino primaverile, tagliare i filoncini a metà, quando saranno ben raffreddati, poi farcirli con prosciutto cotto affumicato, squaquerone fresco, pepe macinato fresco, un filo di olio extra vergine di oliva e fiori primaverili eduli a piacere, già lavati ed asciugati.

    Filocini rustici con pasta madre

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/filoncini/" rel="tag">filoncini</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/fragrante/" rel="tag">fragrante</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/lievito-madre/" rel="tag">Lievito madre</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pane/" rel="tag">Pane</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pasta-madre/" rel="tag">pasta madre</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/semola-rimacinata/" rel="tag">semola rimacinata</a>Leave a comment
  • Continua il mio rapporto “conflittuale” con la pasta madre. Intendiamoci non la odio, anzi mi piace prendermi cura di lei e dopo tante prove ho imparato a gestirne almeno la quantità da tenere in frigo per il rinfresco, ma le ricette che produco sono varie come i risultati ottenuti. A volte vengono bene, a volte […]

    Continua il mio rapporto “conflittuale” con la pasta madre. Intendiamoci non la odio, anzi mi piace prendermi cura di lei e dopo tante prove ho imparato a gestirne almeno la quantità da tenere in frigo per il rinfresco, ma le ricette che produco sono varie come i risultati ottenuti. A volte vengono bene, a volte benissimo e a volte sono un disastro. Decisamente è l’ingrediente che nel tempo ha richiesto la maggior quota di pazienza da parte mia, eppure basta una ricettina nuova ben riuscita per ripagarmi di tanta dedizione, soprattutto se sono riuscita ad apportare le mie solite modifiche. Detto ciò continuo a districarmi tra le tante proposte nel web e a far tesoro dei consigli appresi da chi ha più esperienza di me in materia. Ecco quindi una delle mie preparazioni meglio riuscite.

    N.B. Nella ricetta vedrete menzionata una pasta madre integrale, semplicemente significa che è creata e rinfrescata con farina integrale biologica di buona qualità.

    INGREDIENTI:

    •  380 g di farina 00
    • 120 g di semola rimacinata
    • 200 g di pasta madre integrale già rinfrescata
    • 1 cucchiaio di miele
    • 1 cucchiaino di sale fino
    • 320 ml di acqua tiepida

    PROCEDIMENTO:

    Dopo il rinfresco della pasta madre lasciarla riposare circa 1 ora a temperatura ambiente. Trascorso questo tempo, stemperare i 200 g di pasta madre con l’acqua tiepida. Io ho versato tutto nel boccale della macchina per il pane e ho utilizzato il programma per impasti lievitati, affinché amalgamasse bene e a lungo il mio impasto.

    Aggiungere gradualmente la farina 00 e la semola rimacinata, poi amalgamare ancora. Quando la farina ha assorbito la quota liquida ed il composto inizia a legarsi, aggiungere il miele e il sale, poi proseguire con il ciclo dell’impastatrice per circa 30 minuti.

    lasciare riposare 1 ora.

    Trascorso il tempo foderare la placca del forno con apposita carta, spolverare con un velo di farina di semola rimacinata e dividere l’impasto in strisce, da allungare e attorcigliare con le mani ben infarinate, fino ad ottenere dei filoncini. Adagiarli nella teglia, mantenendoli leggermente distanziati per permetterne la lievitazione.

    Posizionare la teglia con i filoncini nel forno riscaldato a 35-40 gradi con funzione statica, impostando il timer per il massimo del tempo (2 ore). Lasciare lievitare chiusi nel forno per tutta la notte con il tepore creato.

    Dopo 8-10 ore i nostri filoncini saranno ben lievitati e pronti per la cottura. Cuocere in forno statico a 180 gradi per circa 20-25 minti, poi  con funzione ventilata per altri 7-8 minuti o fino a quando risulteranno ben dorati.

    il risultato finale sono filoncini di pane fragranti all’esterno e soffici all’interno, con un sapore che ricorda il pane toscano.

     

     

     

     

     

    Pane al miele di ciliegio e latticello

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/buttermilk/" rel="tag">buttermilk</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/latte-fermentato/" rel="tag">latte fermentato</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/latticello/" rel="tag">latticello</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/miele/" rel="tag">miele</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/miele-di-ciliegio/" rel="tag">miele di ciliegio</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pane/" rel="tag">Pane</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/semi-di-girasole/" rel="tag">semi di girasole</a>Leave a comment
  • 13 Dicembre 2016
  • Il latticello!  Un ingrediente semplice e sano che permette di ottenere prodotti di pianificazione soffici e profumati. Una lievitazione naturale precede un pane fragrante e profumato,dalla mollica tenera e ben alveolata. Eppure è ancora un’ingrediente poco utilizzato, difficile da reperire, se non in qualche grande supermercato. Cosi’ nascono la voglia e la curiosità di iniziare […]

    Il latticello!  Un ingrediente semplice e sano che permette di ottenere prodotti di pianificazione soffici e profumati. Una lievitazione naturale precede un pane fragrante e profumato,dalla mollica tenera e ben alveolata. Eppure è ancora un’ingrediente poco utilizzato, difficile da reperire, se non in qualche grande supermercato.

    Cosi’ nascono la voglia e la curiosità di iniziare ad usarlo, quasi fosse una crociata! Non perché in Italia manchino gli ingredienti, semplicemente perché non voglio precludermi nessuna possibilità. Nella vita e nel mondo ci sono già tanti vincoli e tante restrizioni, da non doverle certo estendere alla cucina, terra di libertà e gioia.

    Ora si tratta solo di reperire qualche ricetta tipica, per le quali sono corsa tra le amorevoli braccia della mia amata Londra, poi con tante nuove idee che mi frullano per la testa e l’acquolina in bocca, sono tornata alle mie ricette 100% italiane. Dalla loro fusione, nasce questo pane che profuma di miele e porta con se la croccantezza dei semi di girasole. Ottimo a colazione.

    INGREDIENTI:

    • 600 g di farina 00 + 2 manciate per la lavorazione.
    • 400 ml di latticello (buttermilk)
    • 100 g di burro ammorbidito
    • 2 cucchiai di miele di ciliegio
    • 1 cucchiaino di sale fino
    • 1 bustina di lievito di birra in polvere PANEANGELI
    • 5 cucchiai di semi di girasole
    • 1 tuorlo d’uovo

    PROCEDIMENTO:

    In una terrina o nell’impastatrice versare il latticello, il burro ammorbidito, il miele e il sale, poi amalgamare con un cucchiaio. Incorporare gradualmente la farina setacciata e per ultimo il lievito. Impastare fino ad ottenere un composto soffice e ben maneggiabile, che non si attacca alle mani. Se necessario aggiungere poca farina. Lasciare riposare per circa 30 minuti in luogo caldo, poi riprendere l’impasto, dividerlo in due parti ed iniziare ad arrotolarlo sulla spianatoia infarinata, per formare un filoncino lungo, del diametro di 3-4 cm ed adagiarlo direttamente in una tortiera foderata di carta forno, lasciando almeno 1 cm tra una spirale e l’altra, per permetterne una buona lievitazione.

    Lasciare lievitare in luogo caldo ( per me forno statico a 30 gradi) per 1 ora e mezza. Trascorso il tempo estrarre lo stampo, e spennellare la superficie con il tuorlo d’uovo sbattuto con 2 cucchiai di acqua.

    Guarnire con i semi di girasole e cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi con funzione statica per circa 20 minuti.

    Con la seconda parte dell’impasto, possiamo procedere allo stesso modo o sbizzarrirci in altre forme come panini, filoncini, treccine, ecc.

    CONSIGLIO PER FARE IL LATTICCELLO IN CASA: Se non sapete dove reperire il latticello, potete anche ricavarlo direttamente in casa con semplice panna fresca. Esistono vari metodi, tuttavia il più semplice e veloce, consiste nel montare la panna fresca tanto da farla “impazzire”, ovvero andare oltre i tempi della classica panna montata. In meno di 10 minuti la parte grassa si separa da quella liquida. In questo modo otterremo dell’ottimo burro e il latticello (ad es. con una confezione di panna fresca da 250 ml si ottengono circa 90 gr. di burro e 125 ml di latticello).