image_pdfimage_print

Pan brioche al caffè con glassa di cioccolato bianco

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/caffe/" rel="tag">caffè</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/caffe-forte/" rel="tag">caffè forte</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/caffe-solubile/" rel="tag">caffè solubile</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/cioccolato-bianco/" rel="tag">cioccolato bianco</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/colazione/" rel="tag">colazione</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/glassa/" rel="tag">glassa</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pan-brioche/" rel="tag">pan brioche</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pane/" rel="tag">Pane</a>Leave a comment
  • 8 Novembre 2016
  • Ancora una volta le mie 4 tazzine d’avanzo, mi portano l’ispirazione per una nuova ricetta. Oggi mi dedico al tema della colazione. Dolce o salata che sia, l’importante è trovare al nostro risveglio ciò di cui abbiamo bisogno, per darci la carica e affrontare un’altra giornata di lavoro. Così l’occasione è perfetta per creare una […]

    Ancora una volta le mie 4 tazzine d’avanzo, mi portano l’ispirazione per una nuova ricetta. Oggi mi dedico al tema della colazione. Dolce o salata che sia, l’importante è trovare al nostro risveglio ciò di cui abbiamo bisogno, per darci la carica e affrontare un’altra giornata di lavoro. Così l’occasione è perfetta per creare una nuova categoria del Pentolino Smaltato, interamente dedicata al pasto più importante della giornata.

    INGREDIENTI PER IL PANE:

    •  500 g di farina 00
    • 160 g di burro
    • 65 g di zucchero di canna
    • 100 ml di caffè forte amaro
    • 1 cucchiaino e 1/2 di sale fino
    • 1 cucchiaio di caffè solubile
    • 1 bustina di lievito di birra in polvere PANEANGELI
    • 3 uova

    PER GUARNIRE:

    • 50 g di cioccolato bianco
    • 1 cucchiaino di caffè solubile
    • 1 tazzina di caffè ristretto
    • 30 ml di latte

    PROCEDIMENTO:

    In una ciotola lavorare bene il burro fatto ammorbidire con lo zucchero di canna. Unire le uova, il sale, il caffè solubile e il caffè amaro raffreddato. Otterremo un composto cremoso. Iniziare ad incorporare la farina setacciata e il lievito il polvere. Continuare ad  impastare con le mani, se necessario aggiungere ancora una manciata di farina fino a che il composto risulterà ben maneggiabile.

    img_8118

    Foderare 2 stampi da plum cake piccoli (o 1 grande) con apposita carta da forno, dividere l’impasto ottenuto in 2 metà ed adagiarle negli stampi preparati, ruotando su se stesso il filoncino, come se lo intrecciassimo.

    img_8120

    Mettere a lievitare in luogo caldo, io uso sempre il forno a 25-30 gradi, per almeno 1 ora o fino a che avrà raddoppiato il proprio volume. Terminata la lievitazione infornare in forno preriscaldato a 180 gradi in modalità statica per circa 30 minuti, poi 5 minuti con funzione ventilata per rendere più fragrante la copertura. Lasciare raffreddare.

    img_8123

    Intanto prepariamo la glassa al cioccolato bianco. Scaldare il latte, poi versarvi il cioccolato bianco e amalgamare bene, fino a che sarà completamente sciolto.

    In un’altra ciotola sciogliere 1 cucchiaino di caffè solubile in una tazzina di caffè forte amaro.

    img_8175 img_8178

    Quando i pan  brioche saranno completamente raffreddati , con 1 cucchiaino iniziare a formare righe sulla superficie, facendovi colare le 2 glasse alternandole. Io ho fatto più strati.

    CONSIGLI: Non sono vere e proprie glasse, le ho create appositamente più leggere solo per arricchire il sapore del pan brioche, mantenendolo abbastanza neutro. Se preferite, è comunque molto buono anche senza copertura, perfetto anche da intingere nel latte.

    Potete realizzare la stessa ricetta anche con la macchina del pane, purché il cestello supporti impasti per pane superiore a 1 kg. L’importante è rispettare l’ordine degli ingredienti, mettendo nel cestello prima le componenti umide, poi le polveri e avviare un programma per preparazioni dolci.

     

    Pancakes di zucca

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/colazione/" rel="tag">colazione</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/dolce-salato/" rel="tag">dolce-salato</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pancake/" rel="tag">Pancake</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/zucca/" rel="tag">zucca</a>Leave a comment
  • 8 Ottobre 2016
  • Zucche, zucche e ancora zucche! In ogni luogo fanno bella mostra di se’. Dai campi coltivati, belle come gemme incastonate in un gioiello, alla tavola per arricchire piatti dolci e salati. In questa preparazione estremamente versatile la polpa dolce e arancione della zucca tinge deliziosi pancakes, ottimi da gustare a colazione o da abbinare ad […]

    Zucche, zucche e ancora zucche! In ogni luogo fanno bella mostra di se’. Dai campi coltivati, belle come gemme incastonate in un gioiello, alla tavola per arricchire piatti dolci e salati.

    In questa preparazione estremamente versatile la polpa dolce e arancione della zucca tinge deliziosi pancakes, ottimi da gustare a colazione o da abbinare ad altri ingredienti salati e saporiti.

    INGREDIENTI:

    •  200 g di polpa di zucca arrostita al forno
    • 230 ml di latte parzialmente scremato
    • 120 g di farina 0
    • 20 g di zucchero di canna
    • 1 cucchiaio di fecola di patate PANEANGELI
    • 1/2 bustina di lievito per dolci PANEANGELI
    • 2 uova
    • 1 pizzico di sale
    • burro q.b. per la cottura

    PROCEDIMENTO:

    Cuocere la zucca in forno già tagliata a tranci e privata di semi e filamenti interni, per circa 35 minuti a 180 gradi con funzione ventilata. Quando i margini inizieranno a scurirsi e la polpa sarà così tenera da affondare i rebbi della forchetta senza difficoltà, sarà cotta al punto giusto. Lasciare raffreddare.

    image

    Quaendo sara’ completamente raffreddata separare la polpa di zucca dalle bucce, fino ad ottenere un peso di 200 g e lavorarla bene con una forchetta fino a renderla cremosa.

    image

    A parte amalgamare i soli tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema. Aggiungere la polpa di zucca, la farina, la fecola di patate e il lievito.

    image

    Mescolare e incorporare gradualmente il latte.

    image

    Montare a neve gli albumi messi da parte ed incorporare anche questi al composto ottenuto, mescolando dall’alto verso il basso per dare aria al composto.image

    Far scaldare un tegame antiaderente su fiamma dolce, velare con poco burro e versarvi un mestolo scarso di pastella. Cuocere 1 minuto o fino a quando i margini appariranno asciutti e si staccheranno facilmente dalla padella, a questo punto con l’aiuto di una spatola, raccogliere il pancake e girarlo sull’altro lato, cuocere ancora 30 secondi poi depositarlo in un piatto. Procedere allo stesso modo fino ad esaurimento del composto. Condire a piacere.

    Panini da hamburger fatti in casa

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/fatto-in-casa/" rel="tag">fatto in casa</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/hamburger/" rel="tag">Hamburger</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/sesamo/" rel="tag">Sesamo</a>Leave a comment
  • 13 Marzo 2016
  • Girovagando per il web mi sono imbattuta in questa ricetta davvero deliziosa. Facile e composta da ingredienti semplici, ci regala il piacere di buon hamburger fatto in casa, farcito a piacere, ma soprattutto genuino e casalingo al 100%. INGREDIENTI: 450 g di farina 00 50 di zucchero 180 ml di acqua calda 30 g di […]

    Girovagando per il web mi sono imbattuta in questa ricetta davvero deliziosa. Facile e composta da ingredienti semplici, ci regala il piacere di buon hamburger fatto in casa, farcito a piacere, ma soprattutto genuino e casalingo al 100%.

    INGREDIENTI:

    • 450 g di farina 00
    • 50 di zucchero
    • 180 ml di acqua calda
    • 30 g di burro ammorbidito
    • 1 uovo intero
    • 1 cucchiaino di sale fino
    • 1 bustina di lievito di birra in polvere

    PER LA COPERTURA DEI PANINI:

    • 1 tuorlo d’uovo sbattuto con un cucchiaino di acqua
    • semi di sesamo

    PROCEDIMENTO:

    Lavorare tutti gli ingredienti, fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico.

    image

    Far lievitare in luogo caldo per almeno 2 ore. Io utilizzo sempre il forno, acceso in modalità statica a 30-40 gradi, la lievitazione e’ garantita.

    Trascorso questo tempo estrarre l’impasto, reimpastarlo e dividerlo già in 6-8 palline.

    image

    Adagiarle direttamente sulla teglia del forno rivestita con apposita carta, mantenendole distanziate tra loro e proseguire la lievitazione, sempre in forno per circa 1 ora o fino a quando avranno raddoppiato il loro volume.

    Terminata la seconda lievitazione, in una ciotolina amalgamare il tuorlo d’uovo con un cucchiaino d’acqua e spennellare la superficie di ogni panino, poi spolverare con una manciata di semi di sesamo.

    image

    Infornare a 190 gradi e cuocere per circa 15 minuti. Lasciar raffreddare e farcire a piacere.

     

    La piadina romagnola

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/piadina/" rel="tag">Piadina</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/strutto/" rel="tag">strutto</a>Leave a comment
  • 2 Gennaio 2016
  • Oggi voglio condividere con voi la ricetta di un grande classico! Assolutamente intramontabile e sublime, riesce a soddisfare ogni palato. Infinite combinazioni per farcirla secondo il gusto personale, non possono che esaltare la regina incontrastata della Romagna…….la PIADINA. INGREDIENTI: 1 Kg di farina 00  100 g di strutto 200 ml di latte 1 cucchiaio di […]

    Oggi voglio condividere con voi la ricetta di un grande classico! Assolutamente intramontabile e sublime, riesce a soddisfare ogni palato. Infinite combinazioni per farcirla secondo il gusto personale, non possono che esaltare la regina incontrastata della Romagna…….la PIADINA.

    INGREDIENTI:

    • 1 Kg di farina 00
    •  100 g di strutto
    • 200 ml di latte
    • 1 cucchiaio di miele millefiori
    • 1 bustina di lievito in polvere per dolci
    • 1 pizzico di bicarbonato
    • 15 g di sale
    • (affettati/formaggi/salse/verdure per la farcitura)

    PROCEDIMENTO:

    Versare sulla spianatoia la farina e ricavare un foro al centro di questa. A parte sciogliere lo strutto nel latte tiepido e versarlo al centro della farina. Unire anche gli altri ingredienti e mescolare, partendo dal centro per inglobare gradualmente tutta la farina. Impastare a lungo. Il composto risulterà  abbastanza asciutto (non si attacca alle mani) e avrà raccolto tutta la farina, se necessario aggiungere poco latte per volta. Trasferire l’impasto ottenuto in un sacchetto da freezer e metterlo a riposare in frigorifero per tutto il giorno. Circa 1 ora prima di servire, tirare fuori dal frigorifero l’impasto, dividerlo in palline e reimpastarle prima di tirarle con il matterello, cercando di dargli la forma circolare. Lo spessore consigliato non deve superare il 1/2 cm, poiché in cottura tenderanno a lievitare un po’. Lasciare riposare le piadine stese sulla spianatoia per circa 30 minuti.

    image

    Mettere a scaldare su fiamma media una piastra in ghisa/pietra o semplicemente un tegame antiaderente. Cuocere le piadine 3-4 minuti per lato, girandole spesso.

    image

    Farcire a piacere e servire calde.

    image

    Per me prosciutto crudo e squaquerone con un buon bicchiere di vino Clinto!

    image

    CONSIGLIO: ricordatevi di impastarle la mattina per poi lavorarle e cuocerle alla sera. Con questo impasto mediamente si ricavano dalle 7 alle 9 piadine. Tenete conto che creano dipendenza, perciò tolte quelle che consumate subito, le altre cotte potere lasciarle raffreddare distese sulla spianatoia, per poi riporle in freezer. Potrete così gustarle tutte le volte che ne avete voglia, basterà scongelarle e scaldarle o addirittura scaldarle direttamente a fiamma dolce, sempre girandole spesso. Non resta che farcirle a piacere per riiniziare a gustarle.