image_pdfimage_print

Gnocchi di rucola alla pancetta e parmigiano

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/burro/" rel="tag">burro</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/gnocchi/" rel="tag">Gnocchi</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/grana/" rel="tag">grana</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pancetta/" rel="tag">pancetta</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/parmigiano/" rel="tag">parmigiano</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/rucola/" rel="tag">rucola</a>Leave a comment
  • 23 Maggio 2016
  • Continua l’inarrestabile crescita della rucola nel mio orto, come l’incessante voglia che mi spinge a cucinarla in tutti i modi possibili. L’ingrediente fresco e genuino c’è, il profumo e la sua piccantezza anche, non resta che mettersi ai fornelli  e sporcarsi le mani di farina per godere di questi gnocchetti teneri e aromatici, che si […]

    Continua l’inarrestabile crescita della rucola nel mio orto, come l’incessante voglia che mi spinge a cucinarla in tutti i modi possibili. L’ingrediente fresco e genuino c’è, il profumo e la sua piccantezza anche, non resta che mettersi ai fornelli  e sporcarsi le mani di farina per godere di questi gnocchetti teneri e aromatici, che si scoprono boccone dopo boccone, sbalorditi per l’uso della rucola in cottura e la semplicità del piatto.

    INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

    • 200 g di rucola fresca
    • 1/2 scalogno
    • 100 g di burro + 20 g per l’impasto
    • 1/2 litro di latte parzialmente scremato
    • 1 uovo intero
    • 350 g di farina 00 + un po’ per la spianatoia
    • 1 spicchio di aglio
    • sale q.b.
    • 100 g di parmigiano a media stagionatura
    • 200 g di pancetta affumicata a cubetti
    • pepe macinato fresco

    PROCEDIMENTO:

    Lavare la rucola in acqua fresca, poi lasciarla scolare bene.

    In una pentola a pareti alte , far appassire lo scalogno tagliato fine con una noce di burro. Prima che inizi a colorire, aggiungere la rucola spezzettata grossolanamente e far appassire anche questa a fiamma viva, mescolando spesso.

    image

    A parte portare ad ebollizione il latte con un pizzico di sale fino.Quando avrà raggiunto il bollore, spegnere il fuoco ed  unire la rucola fatta appassire.

    image

    Frullare con il frullatore ad immersione. Unire i 350 g di farina ed amalgamare bene con il cucchiaio, fino a far assorbire tutto il latte. Versare il composto ottenuto sulla spianatoia infarinata e lasciare raffreddare. Quando sarà intiepidito, aggiungere un uovo intero ed impastare a mano fino ad ottenere un composto omogeneo, che rimanga soffice ma no si attacchi alle mani, se necessario aggiungere poca farina.

    Prelevare piccole porzioni di impasto, farle arrotolare sulla farina, per   formare dei filoncini e tagliare i gnocchetti. Proseguire fino ad esaurimento del composto.  Cuocere i gnocchi ottenuti in abbondante acqua salata per pochi minuti, quando affiorano in superficie sono cotti. Scolarli e aggiungerli al tegame in cui avremo fatto “sudare” a fiamma dolce la pancetta con lo spicchio di aglio e pepe macinato fresco saltare qualche minuto a fiamma viva, poi spegnere la fiamma, aggiungere il parmigiano grattugiato, se necessario aggiustare di sale, amalgamare e servire caldo.

    Gnocchi “viola” su stracciatella di bufala

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/bufala/" rel="tag">bufala</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/burro/" rel="tag">burro</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/gnocchi/" rel="tag">Gnocchi</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/noci/" rel="tag">noci</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/parmigiano/" rel="tag">parmigiano</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/patate-viola/" rel="tag">patate viola</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/stracciatella/" rel="tag">stracciatella</a>Leave a comment
  • 9 Ottobre 2015
  • Ai miei occhi la cucina e’ come una galleria d’arte o meglio ancora il laboratorio dell’artista, dove nascono le opere. Si parte da un’idea, apparentemente precisa per poi sviluppare nuovi progetti. C’è sempre un margine di miglioramento e una ricetta che ha un buon potenziale può essere modificata e reinventata ogni volta per rispondere a […]

    Ai miei occhi la cucina e’ come una galleria d’arte o meglio ancora il laboratorio dell’artista, dove nascono le opere. Si parte da un’idea, apparentemente precisa per poi sviluppare nuovi progetti. C’è sempre un margine di miglioramento e una ricetta che ha un buon potenziale può essere modificata e reinventata ogni volta per rispondere a determinate caratteristiche. La ricetta che ho realizzato oggi è che voglio condividere con voi, sembra proprio spiegare questo pensiero. Nasce con il dono di una cara amica e collega, che mi ha regalato 2 piccole patate viola. Ho resistito con fatica alla tentazione di gustarle subito, per poterle coltivare. La pazienza e il tempo hanno portato piccoli germogli, il tanto che bastava per interrare le mie piccole patate viola e avviare una mini produzione. Ebbene dopo tanta cura, sole, pioggia e giusto tempo ho potuto scavare la terra come il miglior lagotto da tartufi e raccogliere poco più di 1 kg di patate viola. Il momento e’ giunto, posso finalmente assaporare i frutti di tanta costanza e pazienza. Inizio a documentarmi e sono letteralmente avida di dipingere la mia “tela” di viola intenso…….. O quasi! In effetti tutto nasce da un’ispirazione stranamente concreta mentre il traguardo è’ astratto. Il sogno di gnocchetti di un bel viola intenso, svanisce, lasciando il posto a una tenue tonalità di grigio. Quel che conta è il sapore. Avevo deciso che avrebbero avuto il privilegio di un delicato giaciglio di stracciatella di bufala e la ricchezza di un burro con noci e parmigiano. Così è stato, i miei piccoli brutti anatroccoli hanno recitato il ruolo assegnato! Quanto a me, li ho abbinati ad un elegante piatto con le stesse tonalità, tuttavia loro hanno fatto a me il dono più grande, soffici e delicati hanno conquistato il mio cuore.

    image

    INGREDIENTI per 4

    • 7-8 patate viola medie
    • farina 00 q.b.
    • 1 uovo
    • sale fino
    • Circa 50 g di burro
    • 200 g di stracciatella di bufala
    • 50 g di parmigiano stagionati 30 mesi
    • 40 g di noci al netto dello scarto
    • pepe macinato fresco

    PROCEDIMENTO:

    Per preparare gli gnocchi. Lessare le parete in acqua leggermente salata.

    image

    Sono cotte quando i rebbi della forchetta affondano nella polpa senza difficoltà. Scolare e tritare a caldo con lo schiacciapatate. Aggiungere un pizzico di sale fino, 1 uovo intero e farina 00 quanto basta per ottenere un impasto omogeneo e soffice. La consistenza e’ giusta quando l’impasto non si attacca alle mani. Infarinare bene il piano di lavoro, prelevare piccole porzioni dal composto, formare dei filoncini, arrotolandoli con le mani infarinare e tagliare piccoli segmenti.

    image

    A parte preparare il condimento.

    Tritare con il mixer le noci e il parmigiano, procedendo con impulsi a intermittenza per non alterare gli ingredienti.

    Sciogliere il burro nel microonde a 400 watt per 1 minuto.

    Quando l’acqua bolle, aggiungere poco sale e gettarvi gli gnocchi, gradualmente per non arrestare il bollore. Quando emergono. Raccogliere con il mestolo a buchi e tenere in caldo, fino al completamento dei gnocchi necessari. Condire con il burro fuso e la granella di noci e parmigiano.. Amalgamare bene.

    E’ giunto il moment di Impiattare. Sul fondo di ciascun piatto, versare qualche cucchiaio di stracciatella di bufala, adagiarvi la porzione di gnocchi condita e guarnire con una macinata di pepe fresco. Servire caldo.

    image

    CONSIGLIO: per poter gustare al meglio la stracciatella di bufala e non raffreddare velocemente il piatto, conviene estrarre la stracciatella dal frigorifero almeno un’ora prima di servire.

    Gnocchetti di zucca, burro e salvia

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/burro/" rel="tag">burro</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/gnocchi/" rel="tag">Gnocchi</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/salvia/" rel="tag">salvia</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/zucca/" rel="tag">zucca</a>3 Comments
  • 24 Settembre 2015
  • Ormai alle porte dell’autunno, ovunque si posi lo sguardo, si vedono zucche. Grandi, piccole, allungate o schiacciate, rubano i colori all’autunno e approdano nelle nostre cucine, pronte per esaltare piatti salati e dolci o ancor di più per stupirci con l’accostamento di entrambi i sapori in un unico piatto. La caratteristica comune ad ogni varietà […]

    Ormai alle porte dell’autunno, ovunque si posi lo sguardo, si vedono zucche. Grandi, piccole, allungate o schiacciate, rubano i colori all’autunno e approdano nelle nostre cucine, pronte per esaltare piatti salati e dolci o ancor di più per stupirci con l’accostamento di entrambi i sapori in un unico piatto. La caratteristica comune ad ogni varietà e’ sempre la stessa. Sono buone! La ricetta che voglio postare oggi non è certo una novità, si tratta infatti dei gnocchetti di zucca con il più semplice e delicato dei condimenti, il classico burro e salvia.

    Questa e’ la mia ricetta, quella che ho scelto dopo diversi tentativi. I suoi pregi sono l’estrema facilità, ma soprattutto il numero esiguo di ingredienti che permette di esaltare a pieno l’ingrediente principale, ovvero la zucca stessa. Non ci sono uova, n’è formaggio nel l’impasto, si tratta proprio di una preparazione in purezza.

    INGREDIENTI:

    • 1 zucca delica ( da noi chiamata pallone)
    • farina 00 q.b. ( circa 300 g)
    • 1 cucchiaio di zucchero (facoltativo)
    • 1 presa di sale fino
    • noce moscata grattugiata fresca, circa 1/2 cucchiaino
    • 50 g di burro
    • 2-3 foglie di salvia fresca
    • 1/4 di dado classico
    • semi di papavero per guarnire

    PROCEDIMENTO:

    Lavare e tagliare a pezzi la zucca, senza privarla della buccia. Foderare la teglia del forno con apposita carta e infornare i tranci ottenuti a 180 gradi, possibilmente con funzione ventilata per circa 30 minuti. Saranno cotti quando bucandoli con una forchetta, risulteranno teneri e i margini dei tranci cominceranno a colorire un po’.

    image

    Lasciare raffreddare. Con l’aiuto di un cucchiaio separare la polpa dalle bucce raccogliendola in una terrina. Procedere  in questo modo fino ad esaurimento della zucca. Alla polpa ottenuta aggiungere noce moscata macinata fresca, circa 1/2 cucchiaino, una presa di sale e se la zucca di cui disponiamo non è molto dolce, possiamo aggiungere al composto un cucchiaio di zucchero.

    Mescolare per amalgamare bene e creare una purea di zucca. Iniziare ad incorporare la farina gradatamente, 100 grammi per cominciare. La restante farina verrà incorporata mescolando a mano sulla spianatoia.

    image

    Se necessario aggiungerne ancora, sempre in piccole dosi di 3-4 cucchiai. L’impasto e’ pronto quando non si attacca più alle mani, pur rimanendo molto morbido.

    image

    Iniziare a formare gli gnocchi, prelevando piccole quantità di composto da arrotolare sulla spianatoia fino a formare dei filoncini. Tagliarli a piccoli segmenti e arrotolarli tra le mani infarinate, per evitare che si riattacchino l’uno con l’altro.

    image

    Intanto mettere a bollire una pentola di acqua e preparare il condimento.

    In una tazza mettere il burro, le foglie di salvia spezzettate, già lavate e asciugate, il quarto di dado è scaldare 1 minuto in microonde a 400 watt, senza far brunire il burro, per non modificarne il gusto. Estrarre la tazza e mescolare per far sciogliere bene anche il dado.

    Quando L’acqua bolle, salare e iniziare a gettarvi gli gnocchi una manciata per volta ( circa 10-15 pezzetti), mescolare e attendere un minuto. Quando saliranno a galla, sono cotti, prelevarli con il mestolo forato scolandoli bene e versarli nella terrina con il condimento preparato. Procedere con la cottura frazionata degli gnocchi, fino al raggiungimento della quantità desiderata. Amalgamare bene con il burro aromatizzato. Impiattare e guarnire con una leggera spolverata di semi di papavero. Servire caldo.

    image

    CONSIGLIO: la purezza di questa ricetta è data proprio dalla povertà degli ingredienti. La zucca e’ protagonista dall’inizio alla fine della preparazione e sorprende all’assaggio poiché il suo sapore non viene contrastato o coperto da nessun altro ingrediente. Purtroppo non è possibile definire una dose specifica di farina, poiché la quantità che si utilizza e’ direttamente proporzionale al grado di umidità della zucca stessa. Non vi sono infatti uova in questo composto, che accrescerebbero la quota umida dell’impasto, richiamando necessariamente molta più farina, il cui sapore, a mio parere dopo una certa dose risulta troppo invadente.

    Questi gnocchi possono anche essere conservati in freezer, pronti per l’uso, ogni volta che ne abbiamo voglia. Basterà foderare un vassoio o una pirofila con carta da forno e una spolverata di farina. Adagiarvi gli gnocchi, cercando di mantenerli un po’ staccati gli uni dagli altri,e mettere in freezer per circa due ore. Trascorso questo tempo, prelevarli dal freezer e mettere negli appositi sacchetti da conservazione, magari già porzionati per il numero di commensali. In questo modo non si attaccheranno più e si conserveranno benissimo  anche per qualche mese. Al momento dell’uso basterà gettarli gradatamente nell’acqua che bolle e condirli a piacere.

     

    Gnocchetti alla trota salmonata e fiori di zucca

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/fiori-di-zucca/" rel="tag">fiori di zucca</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/gnocchi/" rel="tag">Gnocchi</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/panna/" rel="tag">panna</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/patate/" rel="tag">patate</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/trota-salmonata/" rel="tag">trota salmonata</a>Leave a comment
  • 28 Agosto 2015
  • I primi in generale sono tra le pietanze che preferisco. Comprendono una vasta gamma di tipologie e formati, stanno bene praticamente con tutto, saziano a dovere e spesso  e volentieri  risolvono il dilemma del pranzo o addirittura della cena. Questa ricetta realizzata con gnocchetti di patate fatti in casa, ha un giusto equilibrio di sapori. […]

    I primi in generale sono tra le pietanze che preferisco. Comprendono una vasta gamma di tipologie e formati, stanno bene praticamente con tutto, saziano a dovere e spesso  e volentieri  risolvono il dilemma del pranzo o addirittura della cena. Questa ricetta realizzata con gnocchetti di patate fatti in casa, ha un giusto equilibrio di sapori. La delicatezza dei fiori di zucca sposa la nota affumicata della trota ed il tutto è legato da un tocco di panna fresca.

    INGREDIENTI  PER 4 PERSONE :

    PER gli  GNOCCHI:

    • 1/2 kg di patate
    • 1 uovo intero + 1 tuorlo
    • 150 g di farina 00 + farina per la lavorazione
    • 1 presa di sale

    PER il  SUGO:

    • 1 filetto di trota salmonata
    • 15 fiori di zucca freschi
    • 200 ml di panna fresca
    • 1 noce di burro
    • 1 spicchio di aglio in camicia
    • pepe macinato fresco
    • 1/2 misurino di brodo di pesce
    • prezzemolo fresco per guarnire

    PROCEDIMENTO:

    Lavare le patate sotto l’acqua corrente per eliminare i residui di terra. Immergere le patate in una pentola di acqua fredda salata e portare a bollore. Saranno cotte quando  pungendole con una forchetta, i suoi rebbi riusciranno a penetrare con facilità. Scolare le patate, sbucciarle e schiacciarle a caldo, fino ad ottenere una purea. Lasciar intiepidire.

    Unire alle patate le uova, la presa di sale e la farina. Impastare fino a che il composto risulta omogeneo e  abbastanza compatto per poterlo lavorare.  Prelevare piccole parti dal composto e arrotolarle sulla spianatoia, fino a formare dei ” filoncini” lunghi, con un diametro di circa 2-3 cm. Tagliare piccoli frammenti con il coltello e passarli nella farina, per evitare che si attacchino.

    Rigare gli gnocchi con l’apposito strumento o facendoli scivolare sui rebbi della forchetta. Questa operazione permetterà al sugo di aderire meglio agli gnocchi. Lasciar riposare.

    Per preparare il sugo, prendere un tegame, rosolare appena lo spicchio d’aglio in camicia con  la noce di burro. Unire i fiori di zucca precedentemente lavati, asciugati,  privati del gambo e del pistillo centrale e tagliati a striscioline.  Far appassire . Intanto, a parte pulire il filetto di trota affumicata, privandolo della pelle e di eventuali spine residue. Tagliare la polpa a pezzetti e unire anche questi ai fiori di zucca con il brodo di pesce e una macinata di pepe fresco. Rosolare 2 minuti ed infine aggiungere la panna fresca, mescolare e continuare la cottura per 1 minuto.

    Cuocere gli gnocchi in abbondante acqua salata. Quando vengono a galla sono cotti. Scolare con la schiumarola e unire direttamente al sugo, mescolare e saltare il tutto in padella a fiamma vivace per 1 minuto.

    Servire caldo con una spolverata di prezzemolo fresco, a piacere.