Ciambelline di pane al grano arso

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/affumicato/" rel="tag">affumicato</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/aperitivo/" rel="tag">aperitivo</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/arso/" rel="tag">arso</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/ciambella/" rel="tag">Ciambella</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/ciambellina/" rel="tag">ciambellina</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/ciambelline/" rel="tag">ciambelline</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/grano/" rel="tag">grano</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/pane/" rel="tag">Pane</a>
  • 4 Febbraio 2020
  • image_pdfimage_print

    Fare la spesa di fretta o prendersi il tempo di leggere e curiosare un po’?

    Certo i ritmi frenetici della vita non aiutano, ma a volte qualche minuto da dedicare a noi e alla nostra creatività è più che meritato. Così ti imbatti in prodotti strani, di cui ignoravi l’esistenza, come questa farina di grano arso, dal nome tanto particolare da stimolare la curiosità e la voglia di provarla. Poi arrivi a casa, ti documenti un po’ di più sulle caratteristiche di quel prodotto e scopri un mondo intero. All’improvviso non è più solo una farina, ma il simbolo di quella vita contadina antica, così difficile, fatta di fatica e sacrifici, fatta di fame vera, quella che noi non sappiamo nemmeno immaginare o che forse abbiamo quasi toccato con mano, quando erano le voci dei nostri nonni a raccontarcela.  Sembra difficile da immaginare che questa farina nasca in Puglia , quando i padroni dei terreni bruciavano le stoppie per pulire e fertilizzare e permettevano ai contadini di raccogliere le spighe bruciacchiate rimaste a terra. Queste venivano portate ai mulini, per essere macinate e mescolate con una piccola quota di farina bianca più pregiata per ammorbidirne il sapore un po’ amaro dato proprio dalla combustione. Fatica, tempo e sapori forti per portare a tavola un piatto che sfamasse la famiglia. Passano gli anni, si compiono molti passi avanti e la fame non ha più lo stesso significato per fortuna, ma i sapori buoni delle tradizioni rimangono, così cambia il metodo per tutelare la salute e la farina di grano arso, diventa un prodotto di nicchia, mentre è la farina bianca quella di largo consumo ad essere alla portata di tutti. Il mondo si è capovolto e la cucina lo testimonia, con le sue tradizioni e le diverse necessità, sempre al passo dell’umanità.

    INGREDIENTI PER 1 kg DI PANE:

    •  470 g di farina 0
    • 150 g di farina di grano arso
    • 350 ml di acqua tiepida
    • 20 ml di olio extravergine di oliva
    • 2 cucchiaini di sale
    • 10 g di lievito di birra in polvere ( o 1 cubetto fresco)

    PROCEDIMENTO:

    Versare nello stampo della macchina per il pane tutti gli ingredienti in forma liquida, poi le polveri, ricordandovi di non mettere a contatto il sale e il lievito.

    Avviare il ciclo per impasti lievitati, trascorso il quale potremo riprendere il nostro impasto e lavorarlo sulla spianatoia infarinata dandogli la forma desiderata .

    Per realizzare queste ciambellelline ho diviso l’impasto in tante piccole porzioni da allungandole con  il palmo delle mani  come se dovessimo formale dei grissini che attorciglieremo e chiuderemo in cerchio unendo le estremità.

    Adagiare direttamente le Ciambelline sulla placca del forno rivestita con apposita carta e lasciar lievitare per circa due ore in luogo caldo e asciutto. Quando il loro volume sarà quasi raddoppiato, possiamo procedere alla cottura.

    .

    Cuocere in forno statico a 180 gradi per circa 20 minuti + 5 minuti di ventilato , per rendere più fragrante la superficie.

    Ottime sia a tavola che tagliate a metà e farcite a piacere.

    CONSIGLIO: Possiamo realizzare la stessa ricetta anche senza ausilio di macchina del pane o impastatrice.  Basterà impastare a mano per qualche minuto in più, aggiungendo poca farina per volta se il composto dovesse essere troppo umido e appiccicoso. Otterremo un impasto elastico e facilmente lavorabile. Tempi di lievitazione, forma e cottura rimangono invariati.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *