Gnocchetti di zucca, burro e salvia

  • sabrina
  • Tagged <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/burro/" rel="tag">burro</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/gnocchi/" rel="tag">Gnocchi</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/salvia/" rel="tag">salvia</a>, <a href="http://ilpentolinosmaltato.com/index.php/tag/zucca/" rel="tag">zucca</a>
  • 24 Settembre 2015
  • image_pdfimage_print

    Ormai alle porte dell’autunno, ovunque si posi lo sguardo, si vedono zucche. Grandi, piccole, allungate o schiacciate, rubano i colori all’autunno e approdano nelle nostre cucine, pronte per esaltare piatti salati e dolci o ancor di più per stupirci con l’accostamento di entrambi i sapori in un unico piatto. La caratteristica comune ad ogni varietà e’ sempre la stessa. Sono buone! La ricetta che voglio postare oggi non è certo una novità, si tratta infatti dei gnocchetti di zucca con il più semplice e delicato dei condimenti, il classico burro e salvia.

    Questa e’ la mia ricetta, quella che ho scelto dopo diversi tentativi. I suoi pregi sono l’estrema facilità, ma soprattutto il numero esiguo di ingredienti che permette di esaltare a pieno l’ingrediente principale, ovvero la zucca stessa. Non ci sono uova, n’è formaggio nel l’impasto, si tratta proprio di una preparazione in purezza.

    INGREDIENTI:

    • 1 zucca delica ( da noi chiamata pallone)
    • farina 00 q.b. ( circa 300 g)
    • 1 cucchiaio di zucchero (facoltativo)
    • 1 presa di sale fino
    • noce moscata grattugiata fresca, circa 1/2 cucchiaino
    • 50 g di burro
    • 2-3 foglie di salvia fresca
    • 1/4 di dado classico
    • semi di papavero per guarnire

    PROCEDIMENTO:

    Lavare e tagliare a pezzi la zucca, senza privarla della buccia. Foderare la teglia del forno con apposita carta e infornare i tranci ottenuti a 180 gradi, possibilmente con funzione ventilata per circa 30 minuti. Saranno cotti quando bucandoli con una forchetta, risulteranno teneri e i margini dei tranci cominceranno a colorire un po’.

    image

    Lasciare raffreddare. Con l’aiuto di un cucchiaio separare la polpa dalle bucce raccogliendola in una terrina. Procedere  in questo modo fino ad esaurimento della zucca. Alla polpa ottenuta aggiungere noce moscata macinata fresca, circa 1/2 cucchiaino, una presa di sale e se la zucca di cui disponiamo non è molto dolce, possiamo aggiungere al composto un cucchiaio di zucchero.

    Mescolare per amalgamare bene e creare una purea di zucca. Iniziare ad incorporare la farina gradatamente, 100 grammi per cominciare. La restante farina verrà incorporata mescolando a mano sulla spianatoia.

    image

    Se necessario aggiungerne ancora, sempre in piccole dosi di 3-4 cucchiai. L’impasto e’ pronto quando non si attacca più alle mani, pur rimanendo molto morbido.

    image

    Iniziare a formare gli gnocchi, prelevando piccole quantità di composto da arrotolare sulla spianatoia fino a formare dei filoncini. Tagliarli a piccoli segmenti e arrotolarli tra le mani infarinate, per evitare che si riattacchino l’uno con l’altro.

    image

    Intanto mettere a bollire una pentola di acqua e preparare il condimento.

    In una tazza mettere il burro, le foglie di salvia spezzettate, già lavate e asciugate, il quarto di dado è scaldare 1 minuto in microonde a 400 watt, senza far brunire il burro, per non modificarne il gusto. Estrarre la tazza e mescolare per far sciogliere bene anche il dado.

    Quando L’acqua bolle, salare e iniziare a gettarvi gli gnocchi una manciata per volta ( circa 10-15 pezzetti), mescolare e attendere un minuto. Quando saliranno a galla, sono cotti, prelevarli con il mestolo forato scolandoli bene e versarli nella terrina con il condimento preparato. Procedere con la cottura frazionata degli gnocchi, fino al raggiungimento della quantità desiderata. Amalgamare bene con il burro aromatizzato. Impiattare e guarnire con una leggera spolverata di semi di papavero. Servire caldo.

    image

    CONSIGLIO: la purezza di questa ricetta è data proprio dalla povertà degli ingredienti. La zucca e’ protagonista dall’inizio alla fine della preparazione e sorprende all’assaggio poiché il suo sapore non viene contrastato o coperto da nessun altro ingrediente. Purtroppo non è possibile definire una dose specifica di farina, poiché la quantità che si utilizza e’ direttamente proporzionale al grado di umidità della zucca stessa. Non vi sono infatti uova in questo composto, che accrescerebbero la quota umida dell’impasto, richiamando necessariamente molta più farina, il cui sapore, a mio parere dopo una certa dose risulta troppo invadente.

    Questi gnocchi possono anche essere conservati in freezer, pronti per l’uso, ogni volta che ne abbiamo voglia. Basterà foderare un vassoio o una pirofila con carta da forno e una spolverata di farina. Adagiarvi gli gnocchi, cercando di mantenerli un po’ staccati gli uni dagli altri,e mettere in freezer per circa due ore. Trascorso questo tempo, prelevarli dal freezer e mettere negli appositi sacchetti da conservazione, magari già porzionati per il numero di commensali. In questo modo non si attaccheranno più e si conserveranno benissimo  anche per qualche mese. Al momento dell’uso basterà gettarli gradatamente nell’acqua che bolle e condirli a piacere.

     

    3 thoughts on “Gnocchetti di zucca, burro e salvia

    1. Ciao Pentolino Smaltato! Finalmente ti ho trovata!! 🙂 mamma mia questa ricetta fa venire l’acquolina in bocca. Sarà perché io adoro la zucca.. Il problema é proprio quello. Mi fa paura usare il forno per cucinarla perché quando lo uso la maggior parte delle ricette non vengono bene. Ti terrò aggiornata però perché voglio provare. Ringrazio tua mamma di avermi fatto conoscere il tuo bellissimo sito! A presto

      1. Ciao Celeste, sono felice di conoscerti e che ti piacciano le ricette. Anch’io adoro la zucca e la accosterei ad ogni piatto. Sono a disposizione per qualsiasi dubbio o suggerimento.
        PS: complimenti anche a te per la tua meravigliosa voce e la dolcezza del tuo canto, ho avuto il piacere di vederti su you tube e mi sono venute le lacrime. Sabrina

        1. Si, si vede che ci metti tanta passione e la tua mamma mi ha parlato proprio bene di te 😉 Credo anche che ti intaserò il blog. Ahahahah.. Non sto scherzando. 🙂 E ti ringrazio tanto per i complimenti, mi riempiono il cuore. Un abbraccio, Celeste

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *